“Riflettendo in breve sul NWO – OGGI -”

Riflettendo sul NWO, “New World Order”, il “Nuovo” Ordine Mondiale, ricordo questo video su Youtube:

Gordon Brown Announces ‘New world order is emerging’ At G20 https://www.youtube.com/watch?v=i8IyREChuIg

(Date April 2, 2009 – Gordon Brown Announces ‘New world order is emerging’ – At G20)

Era il 2009: son passati sei anni! In un inglese, per una volta, chiarissimo e comprensibile, senza inutili tecnicismi, si **annunciava** l’emersione degli Hedge Funds e la fine del segreto bancario, insomma riforme ben reali.

Nel frattempo, G. Brown ha perso il suo seggio, B. Obama si è salvato sì, ma tutti sanno come, e le riforme segnano il passo, pur non potendosi tornare al passato ed avendo, comunque, alla fin fine ottenuto certamente qualcosa, ma **non** quanto deciso!

La Grande Prostituta ha esercitato una resistenza fortissima.

Ed anche nella Chiesa, le cose non son poi tanto diverse: la battaglia quella è, quella rimane.

Hanno sottovalutato la forza stabilitasi in venti e più anni.

E che, per tutto questo lungo, lunghissimo periodo, in pratica non ha trovato alcuna resistenza…

Never – an’ Ah seh nevah, nevah undah-estimeh’ yoh enemy

The Complete Idiot’s Guide to the New World Order <https://www.youtube.com/watch?v=XRLPG_HplrA&gt;

video del 2008

 

Alla “luce” di questi dati oscuri, possiamo dire che:

The NWO is weak, an’ all the weeks.

E dobbiamo sentirci pure ’ste sciocchezze, di cui di possono trovare vari link sul web, in cui si dice che lo scopo sarebbe quello di ridurre del 90% la popolazione mondiale…

Ma che blaterate! Mica vogliono “ammazzare tutti”, si tratta di mantenere il “loro” potere.

Di fronte a sfide che lo indeboliscono in maniera **sostanziale**.

Sin ora, il bilancio che possiamo trarne è molto semplice, dopo 6 anni: il potere, senz’alcun dubbio fortemente **indebolito**, rabberciato, quasi polverizzato e certamente frammentato più o meno fortemente a seconda dei casi, si è tuttavia mantenuto.

Taluni han preferito “transare” e mettersi d’accordo, chi ha suscitato populismi vari, veri e propri camaleonti dove vecchie fiamme da tempo spente – e che continuano ad esser tali, spente – si stanno riciclando, con i modi e le modalità i più diversi, ma sono rimasti in sella.

Questo è “il” nodo vero.

Il resto non è silenzio, ma rumore, rumore di fondo che i timpani sfonda, ma nulla poi fonda, invece al fin affonderà e già infatti affonda.

Ed allor rimembro coteste parole, A.D. 1991, 24 anni fa:

Herbert Walker Bush – New World Order Speech Sept. 11, 1991 – <https://www.youtube.com/watch?v=b2UaFEF3kiw&gt;

Un passo condivisibile da un post del blog ‘globaleconomicanalysis.blogspot’ di M. “Mish” Shedlock

Il link è: “Fed a Creature of Financial Markets; The Draghi PUT; Global Crisis Coming Up”.

Il passo che condivido lo riposto qui di seguito:

 

Only by shortening the normalization timeline can the Fed hope to reduce the build-up of systemic risks. The sooner the Fed takes on the markets, the less likely the markets will be to take on the economy. Yes, a steeper normalization path would produce an outcry. But that would be far preferable to another devastating crisis.”

 

E QUESTO E’ IL BELLO….

Ricordare quella stagione (cfr.: La Rovina delcash, http://associazione-federicoii.blogspot.it/2015/12/la-rovina-del-cash.html) **NON** significa per NULLA imitarla, ma ricordare come ci fu un tempo in cui persino l’Italia era un po’ creativa e non cretina come oggi ….

 

Qua in Italia siamo sempre a far le stesse cose, invece: siamo il paese del “qui pro quo”, dei “qui quo qua”, dei “quacquaracquà” e delle parole al vento, e non è cosa di cui menar vanto.

 

Dunque ci fu un’epoca in cui persino in Italia – persino in Italia – si cambiava qualcosa, incredibile a dirsi, probabilmente più lontana da noi del Medioevo, o forse Medioevo esso stesso.

 

Poi tutto si è bloccato – la “glaciazione del senso” la chiamava Baudrillard -, il mondo fu preso dalla paura di cambiare – “I can feel the fear in the Western world” (da Fear in The Western World, degli Ultravox (1977)) – poi il cambiamento è stato **imposto** con la forza, col “metodo Kalì”: legnate de morte; e siamo in questa stagione, e tutti a piantar i piedi in terra per non cambiar nulla: la ricetta dei grandi disastri della storia è sempre stata questa.

 

Sempre.

 

Dunque si cambi finché in tempo o ci sarà imposto, il disse persino Cardini nel 2011, poco prima che la Grande Crisi [G.C.] investisse l’italietta persa appresso a scemenze televisive o alle scemenze dei politicanti da zero valore (“La forza delle cose e la debolezza dell’Europa” – 14/04/2011 -, http://www.ariannaeditrice.it/articolo.php?id_articolo=38361).
E non ne siamo ancora usciti, quello è il bello!!

 

 

 

Link interessante a firma di H. Salinas Price, “Is Bloomberg Hiding Something”

H. Salinas Price: ‘Is Bloomberg Hiding Something’

Quest’ultimo link dà sul seguente link: H. Salinas Price: ‘The Crumbling World Order and Who Will Pick Up the Crumbs”.

Quest’ultimo linkè molto ma molto interessante, poiché parla delel riserve della Federal Reserve, pare un gioco di parole ma, sfortunatamente, non lo è affatto.