Un interessante link: “The Age of Secular Stagnation”

“The Age of Secular Stagnation”, di L. H. Summers

 

Il link appena citato dà la sorgente dell’articolo stesso, da “Foreign Affairs” del 2016.

Advertisements

Articolo di Garry Kasparov sul WSJ, link

“The U.S.S.R. Fell—and the World Fell Asleep Twenty-five years after the Soviet Union ceased to exist, plenty of repressive regimes live on. Today, the free world no longer cares.”

Tutto vero ma ricordo i “peana” e gli alti gridi di soddisfazione che salutarono la cosa, quando un minimo di chiarezza di vedute avrebbe fatto capire che la fine dell’Urss si equivaleva alla fine dell’Occidente, e per questo – tra le altre cose – fu voluta.

La ricerca di altri “nemici” per puntellare il proprio potere non ha poi avuto troppo buon esisto, e i nemici che son venuti dopo non reggevano il gioco, anzi, avevano un effetto dissolvente ….

Vabbeh piccole sciocchezze, errorini di pochissimo o nessun conto ….

 

 

 

 

 

‘Non più copertine, però ancora immagini. Da un vecchio libro di Frye, ed una che cita un passo dai “Testi dei Yezidi”’

non-piu-copertine”, (ovvero: Non più copertine, però ancora immagini. Da un vecchio libro di Frye (1963), ed una che cita un passo dai “Testi dei Yezidi”, pdf).

frye1

Da R. N. Frye, La Persia preislamica, Casa editrice Il Saggiatore, Milano 1963 – anche le immagini

seguenti

provengono dallo stesso testo detto qui –

frye2

dai-testi-religiosi

corpo-anima-spirito

non-dovete-attribuire

per-quanto-si

poiche-io-ho

erodoto-storie-i

quasi-demoniaco